CREATE ACCOUNT

*

*

*

*

*

*

FORGOT YOUR PASSWORD?

*

OLIO EXTRA VERGINE DI OLIVA

Disponibilità del prodotto: Sì  /  

Rating: 5/5

ANNATA: 2015
Zona: Toscana in particolare Arezzo
VARIETA’: morello, pendolino, frantoio, leccino
ACIDITA : < O,18 mg/l
NOTE TECNICHE : le olive vengono raccolte manualmente nel periodo che và da ottobre-novembre; la spremitura è a ciclo continuo e separato per centrifugazione. L’olio non viene filtrato ma pulito attraverso una sedimentazione statica con i relativi travasi. Per circa 90 giorni mantiene integre tutte le sue proprietà miracolose che poi piano piano vanno a scemare, ecco perchè si dice olio nuovo e vino vecchio.
ESAME ORGANOLETTICO: di aspetto limpido; odore fruttato medio-leggero e fresco,persistente, con netti sentori vegetali di carciofo, erbe di campo; di gusto sapido, piacevolmente piccante, discretamente piacevole e persistente
ABBINAMENTI: indicato per tutti gli usi per pietanze con sapori forti e decisi carni rosse, cacciagione e arrosti, ma anche il classico pan con l'olio
CONFEZIONI: bottiglia 0,750ml, lattine da 3 lt.
Produzione terminata

OLIO EXTRA VERGINE DI OLIVA E.V.O.

L’Olivo coltivato o domestico deriva dall’olivo selvatico che cresce nei luoghi rupestri sia isolatamente che in forma boschiva, il suo prodotto amaro non è mai stato usato.

La coltivazione dell’olivo risale circa 5000 A.C. ed i primi ritrovamenti sono in Siria e comunque in tutta l’Asia minore.
Il passo fu breve ad estendersi in tutto il mediterraneo primi fra tutti i Greci che con la Dea Atena la riconobbero come pianta sacra.
La pianta dell’olivo esigeva molte cure lunghe e costose, ma l’olio ripagava molto bene il lavoro svolto, infatti oltre che all’alimentazione veniva usato nei giochi come premi, nei bagni per la pelle, nella cosmesi soprattutto per la donna, nei funerali per bruciare e infondere aromi e soprattutto come moneta di scambio.
Per quanto riguarda l’Italia non esistono date certe sull’arrivo dell’olivo e la sua cura, i primi resti di noccioli di olivo selvatico risalgono al Mesolitico, sappiamo che gli Etruschi furono grandi produttori e commercianti, tanto che sono state ritrovate anfore in relitti datati 600 A.C., ed anfore in Tombe di ricchi signori datati 550 A.C.
I procedimenti di produzione dell’olio cioè dalla raccolta a mano indispensabile per la qualità, alla spremitura con macine in pietra, sono rimasti intatti fino al secolo scorso, quando poi le macchine hanno sostituito il lavoro dell’uomo e degli animali.

L’OLIO un prodotto così unico, particolare, ricco di storia, di Dei, ricco di proprietà e soprattutto usato come moneta nel corso della vita dell’uomo, non poteva mancare negli esclusivi prodotti R.I.T.

Nella piccola oliveta personale situata alle pendici delle colline casentinesi si coltiva e si raccoglie ancora oggi a mano le migliori olive per la produzione dell’Olio R.I.T.
Le qualità di Olivo coltivate sono Frantoio-Leccino-Moraiolo che sapientemente miscelate conferiscono all’ olio extra vergine di oliva un mix di proprietà e di gusto che lo rendono unico.

Recensioni

Nessuna recensione disponibile per questo prodotto.
TOP